Archivi categoria: Cineteca

Cineteca

Domenica 22 Dicembre 2013

CONCERTO DEL TRIO ALL’OPERA BRINDANDO A VERDI

Santuario di San Donato – Ripacandida (PZ)

Il progetto “Brindiamo a Verdi” nasce dalla volontà di tre musicisti che, in occasione delle celebrazioni per il bicentenario della nascita del compositore, hanno dato origine alla formazione cameristica il “TRIO ALL’OPERA”. La scelta della denominazione, “Brindiamo a Verdi”, scaturisce dall’idea di rievocare immaginari festeggiamenti con illustri musicisti a lui coevi, come Wagner ad esempio, fatta eccezione di Donizetti che, pur non essendo nato nel 1813, ha influenzato notevolmente l’operistica di quel tempo.

La formazione cameristica che si esibirà declama alcune grandi opere trascritte per clarinetto e pianoforte di cui i rispettivi musicisti hanno effettuato una rielaborazione introducendo il soprano con vari intermezzi di arie cantate in Trovatore, Rigoletto e Traviata.

Il TRIO ALL’OPERA è composto dal M° D. Massimo Trotta, docente di pianoforte presso il Conservatorio “D. Cimarosa” di Avellino, dal M° Vito Liuzzi, docente di clarinetto presso il Conservatorio “G. da Venosa” di Potenza e dal soprano lirico Elisabetta Caputi di Ripacandida.

Introduce e guida : Donatella De Luca

L’evento è presentato dall’Associazione Papirus in collaborazione con il Comune di Ripacandida.

Segue un breve filmato dell’evento, della durata di circa 18 minuti.

RIPACANDIDA 18 Settembre 2011 – Innaugurazione Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea

COMUNE DI RIPACANDIDA
PROVINCIA DI POTENZA

Via Santa Maria, 20 – 85020 RIPACANDIDA – Pz – TEL:  0972644132 FAX:0972644142 – Email: comunediripacandida@yahoo.it

Ripacandida, lì 13/09/2011

IL COMUNE DI RIPACANDIDA INAUGURA LA GALLERIA CIVICA D’ARTE
Comunicato stampa
Restituita il 31 luglio scorso alla sua originaria funzione di sede municipale, l’antica dimora gentilizia di Palazzo Baffari-Rossi a Ripacandida, già convento delle Clarisse durante il Settecento, sta per aprire parte dei suoi storici ambienti a nuove prestigiose destinazioni. Dal 18 settembre, infatti, ospiterà in via permanente la Galleria Civica d’Arte di Ripacandida, con una nutrita raccolta che supera le cento opere, oltre a periodiche esposizioni in tema, a partire dalla mostra personale dell’artista Vito Miroballi, che verrà inaugurata in concomitanza con l’apertura del nuovo spazio museale.
Nel quadro degli impegni assunti dall’Amministrazione Comunale del piccolo centro del Vulture all’atto del suo insediamento, la nascita della Galleria Civica rappresenta una coraggiosa testimonianza di promozione culturale. A renderla possibile è stata la volontà congiunta del Sindaco Giuseppe Annunziata, primo ideatore dell’iniziativa, e dello stesso Vito Miroballi, ripacandidese che vive ed opera a Roma, alle cui conoscenze si devono le generose donazioni delle opere che costituiscono il primo nucleo della collezione, da lui messo insieme con impegno e dedizione allo scopo di dare lustro al suo paese natale e nell’intento di arricchirlo negli anni a venire. Importante, inoltre, la consulenza e l’apporto specialistico del giornalista e critico d’arte Franco Corrado, autore anche del testo a catalogo.
La Galleria Civica d’Arte di Ripacandida racchiude al suo interno significative espressioni artistiche che vanno dai primi decenni del Novecento fino alla soglia dei nostri giorni. Un’esposizione di grande caratura qualitativa, per un progetto ambizioso, lontano dai soliti canoni localistici, che mette insieme alcuni tra i massimi esponenti dell’arte contemporanea italiana. La collezione presenta personaggi di rilevanza internazionale, che hanno operato con straordinario successo nell’ambito della pittura, dell’incisione, dell’illustrazione, della scultura: da Ugo Attardi a Ennio Calabria, da Renzo Vespignani a Domenico Rambelli, da Alberto Ziveri ad Amelio Roccamonte, da Angelo Titonel ad Aldo Turchiaro, da Assadour a Vittorio Basaglia e, ancora, Carlo Lorenzetti, Franco Mulas, Giulia Napoleone, Guido Strazza, Giuseppe Modica, Vincenzo Gaetaniello, Giancarlo Limoni, Bruno Canova, Nuccio Cannizzaro, fino ai lucani Mauro Masi, Luigi Guerricchio e Pasquale Santoro. Nomi celebrati dalla critica e apprezzati anche al di fuori dei confini nazionali, i cui linguaggi si sono sviluppati tutti lungo la linea del rinnovamento e della sperimentazione.
Locali attigui a quelli della Galleria Civica accoglieranno fino al 2 ottobre la personale di Vito Miroballi dal titolo “Oltre il limite superato”. In esposizione opere realizzate a pastello in cui sono rappresentati paesaggi indefiniti dal carattere evocativo, che rimandano a immagini lontane nel tempo legate alle radici dell’autore. In essi Miroballi sa cogliere le infinite forme della luce, grazie a sapienti variazioni della materia cromatica, trasmettendo allo spettatore emozioni sempre nuove. Ad accompagnare la mostra di Miroballi un catalogo con testi critici di Franco Corrado, Vito Riviello e Francesco Mastrorizzi.
L’inaugurazione della Galleria Civica d’Arte di Ripacandida avverrà domenica 18 settembre a partire dalle ore 18.00, alla presenza del Sindaco e di tutti i fautori dell’iniziativa. È prevista la partecipazione di personalità e autorità.

Ufficio stampa: Francesco Mastrorizzi, francescomas@email.it –  347.1241178

Seguono filmati:

1) Filmato tg3 Basilicata

2) Breve filmato presentazione del Catalogo delle opere esposte

RIPACANDIDA 31 LUGLIO 2011 – Innaugurazione sede Comunale

RIPACANDIDA 31 LUGLIO 2011

INNAUGURAZIONE SEDE STORICA COMUNALE
(Intervento del Sindaco)

E’ mio dovere porgere un caloroso saluto e ringraziamento a tutti voi che siete qui convenuti a cominciare da sua Eccellenza il Prefetto di Potenza Dott. Luigi Riccio, ai rappresentanti delle forze dell’ordine rappresentati dal Luogotenente SANTORO, reggente la Compagnia dei Carabinieri di Venosa, al Comandante della Caserma dei Carabinieri di Ripacandida, al Comandante della Stazione delle Guardie Forestali e a tutti Voi presenti che avete risposto all’invito per questa inaugurazione della Sede storica Comunale.

L’immobile che come ben sapete riguarda l’ex Convento di Clausura fondato dall’Arciprete G. B. Rossi sul luogo dove sorgeva “la Casa Palaziata” (non a caso ho voluto citare il termine “Casa Palaziata” utilizzato negli antichi scritti) dei suoi avi, la nobile casata ripacandidese dei Baffari – Rossi di cui sul portale si ammira ancora lo stemma gentilizio.

In questo momento particolare è per me un onore dare giusta memoria e testimonianza a questa antica famiglia che nel lontano “ 6 novembre 1734 nella terra di Contursi – come si legge nel rogito per mano del Notaio Vito Pignata – i reverendissimi Don Giovanni e Don Giovambattista Rossi – Baffari fratelli uterini della terra di Ripacandida risolsero per rimedio delle coscienze e in suffragio dei loro antenati fondare in questa terra di Ripacandida un Monastero di Clausura sotto la regola delle Carmelitane Scalze”.

L’intero fabbricato dell’asse ereditario comprendeva l’ex forno comunale, la Chiesa di San Giuseppe, la sede che stiamo per innaugurare, l’ex biblioteca, l’ex Caserma dei carabinieri ed altri locali adiacenti acquistati dall’Arciprete Giovambattista Rossi.

In questo atto notarile tutti gli altri eredi ed aventi diritto, le sorelle Donna Camilla (sposata al Dott: Cesare ARANEO di Pescopagano), Donna Giulia (sposata al Dott. Di Gilio di Rapolla), e Donna Fulvia (sposata al Dott. Modestino Brescia di Melfi) danno il consenso scritto e donano parte delle loro proprietà per l’erigendo Monastero.

Questo in breve i fatti più importanti della fondazione che fra le diverse traversie e difficoltà divenne il centro monastico più importante della zona visitato a più riprese da San Gerardo Maiella e nel 1751 da San Alfonso dei Liguori.

Ma dopo un secolo e mezzo circa la vita del Monastero si complica e diventa sempre più difficile. La legge assai rigorosa voluta dall’allora Primo Ministro Ricasoli, si traduceva in pratica in un vera e propria espropriazione. Infine con la Legge del 1907 di Giolitti vengono soppressi alcuni ordini religiosi e opere pie e nel 1908 il Monastero viene soppresso e la struttura viene incamerata dal Comune di Ripacandida.

Oggi questa “casa palaziata” quasi del tutta restaurata come vedrete è qui a testimoniare e a raccontarci un pezzo della Storia millenaria di Ripacandida.

L’intera ristrutturazione si è resa necessaria per una serie di problemi di messa in sicurezza dovuti alla fatiscenza dell’impianto elettrico e termico non assolutamente in regola con le normative vigenti; a problemi igienico sanitari dovuti alla fuoriuscita di liquami provenienti dal collettore fognario principale che attraversa l’intero complesso.

Il trasferimento degli uffici Comunali nella ex scuola Media sono avvenuti nell’anno 1997.

L’opera di ristrutturazione e recupero è costituita da quattro lotti :

1° Lotto
Importo del progetto £. 5000.000.000 (pari ad € 258.228,00) progetto redatto e diretto dagli Arc. Fabbri e Savino – Impresa esecutrice Filidoro Vittorio da Venosa – Intervento realizzato con finanziamento Legge 219/81 – Lavori iniziati nel 2003 ed ultimati nel 2004. Collaudo statico redatto dall’Arch. Schirò di Rionero in V.re. Lavori consistenti in demolizione e ricostruzione tetto ex sala consiliare, rifacimento parziale del tetto locali uffici Assessori, impiantistica;

2° Lotto
Importo del progetto € 568.000,00 progetto redatto e diretto dagli Arch. Fabbri e Savino – Responsabile della Sicurezza il Geom. Alamprese – Impresa esecutrice Ing. Brigante da Napoli – Intervento realizzato con finanziamento PIT – Lavori iniziati nell’anno 2007 ed ultimati il 15/06/2009 – Collaudo statico Ing. Fasciano da Lavello. Lavori consistenti nel completamento piano terra e primo piano, degli impianti tecnologici, infissi ecc.;

3° Lotto
Importo lavori € 210.000,00 – Progettazione ed esecuzione lavori a spese della Società WIND FARM a seguito convenzione eolico – ditta esecutrice Prisma da Rionero – Lavori consistenti nel recupero dei locali seminterrato, accessori, giardino ecc.

4° Lotto di prossima realizzazione
Importo progetto € 259.000,00 progetto esecutivo a cura dei Tecnici Ing. Motta da Potenza e Geom. Chiarito di Ripacandida. Finanziamento POIS – I lavori riguarderanno il recupero di tutti i locali del Piano seminterrato di via Calata Monache. I lavori saranno appaltati entro il prossimo Ottobre.

Per opportuna conoscenza è il caso di menzionare oltre a questi interventi in gran parte strutturali anche tutte le altre opere resosi necessarie:

1° Intervento dell’importo di € 21.000,00 per ripristino strada adiacente sede comunale per eliminare infiltrazioni d’acqua piovana nei locali sottostanti. Opera realizzata con gentile concessione del finanziamento da parte della WIND FARM;
2° Arredo nuova Sala Consiliare dell’importo di circa € 12.000,00. Opera realizzata con gentile concessione del finanziamento da parte della WIND FARM;
3° Acquisto arredi per uffici importo € 52.000,00. Finanziati con Fondo di coesione anno 2009;
4° Opera per il collegamento alla rete RUPAR (Internet), importo € 1.500,00. Finanziato con fondi di bilancio provenienti dall’eolico;
5° Opera per dotare la struttura Comunale di sistema di allarme, Importo € 12.000,00. Finanziato con fondi di bilancio provenienti dall’eolico;
6° Acquisto Server e Rete interna LAN ( Rete Informatica). Importo € 12,000,00. Finanziato con fondi di bilancio provenienti dall’eolico;
Questa Amministrazione ha ritenuto opportuno per l’occasione allestire all’interno del complesso una pinacoteca in cui sono esposti opere di pittori locali dilettanti ed opere di autori che comunque hanno profonde radici ripacandidesi.

Inoltre è stata allestita una fototeca con immagini e foto d’epoca i cui personaggi hanno contribuito a scrivere la storia del nostro paese. Uno spaccato di vita quotidiana e di evoluzione del costume.

Documenti fotografici ritenuti da questa Amministrazione insostituibili ed imperdibili. Non possiamo per incuria, per negligenza o addirittura per ignoranza perdere un patrimonio che è lo specchio della nostra vita e che ci consente passo dopo passo di ricostruire la nostra storia passata e recente, dandoci la possibilità di recuperare la nostra memoria storica, le radici più profonde del nostro Paese e della nostra intera Comunità.

Di nuovo grazie a Voi tutti di essere oggi qui.
Il Sindaco
(Giuseppe ANNUNZIATA)

Segue video.

 

RIPACANDIDA dal 17 al 20 Aprile 2008 – San Francesco e i colori dell’Eden

1° Filmato: Spot

2° Filmato: Spot

3° Filmato:

4° Filmato: Manifestazioni